È in atto la sperimentazione di un nuovo sistema informatico volto ad accorciare in modo sensibile il tempo di aggiornamento della RL

2
ORGANIZZAZIONE DEL CANTONE

2.5.4

Ordinamento del personale

2.5.4.4.2
A A A

 
Atto normativo abrogato

 

Regolamento concernente il contributo annuo forfetario per sezione di scuola dell’infanzia o di scuola elementare

(del 6 ottobre 2009)

IL CONSIGLIO DI STATO
DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

richiamato l’art. 34 della Legge sugli stipendi degli impiegati dello Stato e dei docenti del 5 novembre 1954,

decreta:

    • Entità del contributo annuo di base

      Art. 1[1] 1L’importo di riferimento per il calcolo del contributo annuo forfetario 2013 riconosciuto dallo Stato per le sezioni di scuola dell’infanzia e di scuola elementare è così stabilito:
    • a) Sezione di scuola dell’infanzia con refezione: fr. 81’930.–;
    • b) Sezione di scuola dell’infanzia senza refezione: fr. 73’730.–;
    • c) Sezione di scuola elementare: fr. 87’380.–.
    • 2Il numero di sezioni è calcolato in base alle sezioni del 2012/13 (nella misura di 2/3) e del 2013/14 (nella misura di 1/3); analogamente avviene per gli anni successivi.
    • 3Il contributo annuo è commisurato in base ai criteri previsti della Legge sulla perequazione finanziaria intercomunale e considera le attività d’insegnamento assicurate dai docenti titolari, dai docenti di sostegno pedagogico e dai docenti di attività creative.
    • Entità dei contributi annui particolari

      Art. 2[2] 1Con riferimento ai disposti dell’art. 34 cpv. 3 della legge sugli stipendi degli impiegati dello Stato e dei docenti del 5 novembre 1954, lo Stato riconosce:
    • a) un contributo particolare per ogni unità didattica settimanale impartita da un docente di educazione fisica che sostituisce il docente titolare dispensato da tale insegnamento; per il 2013 l’importo di riferimento per il calcolo del contributo per unità didattica settimanale è stabilito in fr. 2’570.–;
    • b) un contributo per ogni unità didattica impartita dal docente di lingua e di integrazione scolastica e, in casi particolari, dal docente supplente; per il 2013 l’importo di riferimento per il calcolo del contributo per unità didattica settimanale è stabilito in base al tariffario definito dal regolamento sulle supplenze dei docenti del 13 febbraio 1996, e dalle disposizioni che regolano l’assunzione dei docenti di lingua e di integrazione scolastica;
    • c) un contributo all’indennità d’uscita in caso di scioglimento del rapporto d’impiego di un docente versata dal Comune o dal Consorzio secondo le disposizioni previste dalla Legge sugli stipendi degli impiegati e dei docenti;
    • d) integralmente gli oneri di supplenza nel caso di designazione di un docente supplente per sopperire all’assenza del docente titolare chiamato ad assolvere temporaneamente compiti dipartimentali.
    • 2Il contributo di cui al cpv. 1 lett. a) è calcolato in base alle unità didattiche del 2012/13 (nella misura di 2/3) e del 2013/14 (nella misura di 1/3); analogamente avviene per gli anni successivi.
    • 3Il contributo di cui al cpv. 1 lett. b) è calcolato in base alle unità didattiche effettive (mesi di competenza relativi gli anni scolastici 2012/13 e del 2013/14); analogamente avviene per gli anni successivi.
    • 4Il contributo di cui al cpv. 1 lett. a), b) e c) è commisurato in base ai criteri previsti della Legge sulla perequazione finanziaria intercomunale.
    • Adeguamento dei contributi annui

      Art. 3[3] Gli importi di riferimento per il calcolo dei contributi annui di cui all’art. 1 cpv. 1 e art. 2 cpv. 1 lett. a) sono adeguati annualmente, la prima volta nel 2014, dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport, agli aumenti salariali e al rincaro in base alla percentuale definita dal Consiglio di Stato nel preventivo annuale per i dipendenti cantonali.
    • Calcolo dei contributi annui per i Consorzi scolastici
      e per i comuni convenzionati

      Art. 4 Il calcolo dei contributi annui per i consorzi scolastici e per i comuni convenzionati avviene applicando, proporzionalmente al numero di allievi, la forza finanziaria del rispettivo comune; il contributo è versato al comune di provenienza degli allievi.
    • Modalità di versamento dei contributi

      Art. 5 I contributi sono versati in 3 rate, rispettivamente nei mesi di aprile, agosto e dicembre.
    • Entrata in vigore

      Art. 6 Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi ed entra in vigore il 1 gennaio 2010.

    Pubblicato nel BU 2009, 448.