È in atto la sperimentazione di un nuovo sistema informatico volto ad accorciare in modo sensibile il tempo di aggiornamento della RL

2
ORGANIZZAZIONE DEL CANTONE

2.1.4

Fusione, separazione e consorzi di Comuni

2.1.4.1
A A A

Legge sulla fusione e separazione di Comuni[1]

(del 6 marzo 1945)

IL GRAN CONSIGLIO
DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

su proposta del Consiglio di Stato,

decreta:

    • Art. 1 ...[2]
    • Fusione, separazione e rettifica di confini

      Art. 2[3] La circoscrizione o il numero dei Comuni vengono modificati mediante:
    • a) …
    • b) la cessione di territorio non costituente frazione da un Comune ad altro Comune limitrofo;
    • c) la rettifica dei confini giurisdizionali;
    • d) …
    • e) …
    • f) la separazione di più frazioni di Comuni diversi per riunirle in un solo nuovo Comune.
    • § …
    • Procedura:
      a) istanza

      Art. 3[4] Le domande di cessione di territorio o di rettifica di confini formulate dalle assemblee comunali, dai Consigli comunali, dai Municipi o da cittadini interessati devono essere presentate al Consiglio di Stato.
    • b) procedimento d’ufficio

      Art. 4 Il Consiglio di Stato può iniziare il procedimento anche d’ufficio.
    • c) preavvisi comunali

      Art. 5 Il Consiglio di Stato trasmette immediatamente la domanda e il suo rapporto motivato a tutti i Comuni o frazioni di Comuni interessati per mezzo dei rispettivi Municipi, affinché le rispettive assemblee si pronuncino in proposito, in via consultiva, entro un termine che sarà loro fissato.
    • Le assemblee non potranno aver luogo prima di un mese dalla comunicazione della domanda.
    • Il preavviso comunale deve essere motivato.
    • Art. 6-13[5]
    • Art. 14[6]
    • Art. 15-16[7]
    • Art. 17[8]
    • Art. 18[9]
    • Rettifica dei confini

      Art. 19 1Il Gran Consiglio può decretare la cessione o permuta di territorio, dietro equo compenso, allo scopo di rettificare in modo razionale la linea di confine fra due o più comuni, specie per adattarla alla configurazione del terreno.
    • 2Contro la decisione del Gran Consiglio è dato ricorso al Tribunale cantonale amministrativo.[10]
    • Decreto del Consiglio di Stato

      Art. 20[11] 1Le cessioni territoriali e le rettifiche di confine sono decise, anche nei rapporti patrimoniali, dal Consiglio di Stato, ossequiata la procedura prevista agli art. 3, 4 e 5 della presente legge, se il valore ufficiale di stima dei fondi ceduti o compensati non supera fr. 50’000.-- e la superficie di mq. 50’000.
    • 2Contro la decisione del Consiglio di Stato è dato ricorso al Tribunale cantonale amministrativo.[12]
    • Art. 21-23[13]
    • Art. 24-27[14]

    Pubblicata nel BU 1945, 85.