È in atto la sperimentazione di un nuovo sistema informatico volto ad accorciare in modo sensibile il tempo di aggiornamento della RL

Costituzione della Repubblica e Cantone Ticino

(del 14 dicembre 1997)

  • PREAMBOLO
    • Il popolo ticinese
    • - allo scopo di garantire la convivenza pacifica nel rispetto della dignità umana, delle libertà fondamentali e della giustizia sociale;
    • - convinto che questi ideali si realizzano in una comunità democratica di cittadini che ricercano il bene comune;
    • - fedele al compito storico di interpretare la cultura italiana nella Confederazione elvetica;
    • - cosciente che la responsabilità nei confronti delle generazioni future comporta un’attività umana sostenibile nei confronti della natura ed un uso della conoscenza umana rispettoso dell’uomo e dell’universo;
    • si dà la seguente COSTITUZIONE
  • TITOLO I
    Natura e scopo del Cantone
    • Cantone Ticino

      Art. 1 1Il Cantone Ticino è una repubblica democratica di cultura e lingua italiane.
    • 2Il Cantone è membro della Confederazione svizzera e la sua sovranità è limitata soltanto dalla Costituzione federale.
    • Sovranità

      Art. 2 1La sovranità del Cantone risiede nell’universalità dei cittadini ed è esercitata nei modi stabiliti dalla Costituzione.
    • 2Il voto del Cantone è dato dal popolo con la maggioranza dei voti validi.
    • Stemma

      Art. 3 Lo stemma del Cantone è il seguente:
    • “Partito di rosso e di azzurro”
    • Scopo

      Art. 4[1] 1Il Cantone garantisce e attua la libertà e i diritti individuali e sociali di chi vive sul suo territorio, promuove la cultura, la solidarietà e il benessere economico e salvaguarda la propria identità e i valori ambientali.
    • 2Gli interessi comuni sono perseguiti con la partecipazione di tutti.
    • 3Il Cantone promuove le pari opportunità per i cittadini.
    • Capitale

      Art. 5 La capitale del Cantone è Bellinzona ove hanno sede il Gran Consiglio e il Consiglio di Stato.
  • TITOLO II
    Diritti fondamentali e doveri
    • Tutela della dignità umana

      Art. 6 1Il diritto alla vita è inerente alla persona umana e dev’essere protetto.
    • 2La dignità umana è inviolabile.
    • 3La pena di morte, la tortura e i trattamenti inumani o degradanti sono proibiti.
    • Uguaglianza

      Art. 7 1Nessuno deve subire svantaggio o trarre privilegio per motivi di origine, razza, posizione sociale, convinzione religiosa, filosofica, politica o stato di salute.
    • 2Donne e uomini sono uguali davanti alla legge.
    • 3Per lavoro di pari valore donne e uomini ricevono retribuzione uguale.
    • 4Nella Costituzione, nelle leggi e nell’attività dello Stato le parole che si riferiscono all’uomo in genere intendono comprendere sia le donne sia gli uomini.
    • Diritti individuali

      Art. 8 1Ognuno ha il diritto di esprimere la propria personalità.
    • 2Sono in particolare garantiti:
    • a) la libertà personale, l’integrità fisica e morale;
    • b) la libertà di coscienza e di religione;
    • c) la libertà d’opinione, di informazione e di stampa;
    • d) la tutela della sfera privata e dei dati personali e il diritto di ciascuno di consultare ogni raccolta di dati ufficiali o privati che lo concernono, domandarne la rettifica se errati e esigere di essere protetto contro una loro utilizzazione abusiva;
    • e) la libertà di associazione, di riunione e di manifestazione pubblica;
    • f) il diritto di sciopero e di serrata se si riferiscono ai rapporti di lavoro e non contrastano con impegni di preservare la pace del lavoro o di condurre trattative di conciliazione;
    • g) la libertà di domicilio;
    • h) la proprietà;
    • i) l’attività economica nei limiti dell’interesse generale;
    • l) il diritto di petizione alle autorità e di ottenere risposta entro un termine ragionevole;
    • m) la libertà dei genitori di scegliere per i figli scuole diverse da quelle istituite dalle autorità pubbliche, purché conformi ai requisiti fondamentali previsti dallo Stato in materia di istruzione, e di curarne l’educazione religiosa e morale secondo le proprie convinzioni.
    • 3I diritti individuali, salvaguardata la loro essenza, possono essere limitati per legge, nel rispetto del principio della proporzionalità, soltanto se un interesse pubblico preponderante lo esige.
    • 4Nell’espressione delle libertà ideali la censura preventiva è vietata.
    • Inviolabilità della libertà personale

      Art. 9 1La libertà personale, il domicilio e la segretezza di ogni comunicazione sono inviolabili.
    • 2Nessuno può essere fermato, arrestato, perquisito, internato per motivi di sicurezza o limitato in qualsiasi modo nella libertà personale, se non nei casi e nelle forme previsti dalla legge.
    • 3Chiunque è colpito da un provvedimento privativo della libertà personale in base ad un’accusa di carattere penale deve essere sentito da un magistrato entro il giorno successivo al provvedimento, ha diritto di essere assistito da un legale e di rivolgersi ad un tribunale.
    • Divieto di dissimulazione del proprio viso

      Art. 9a[2] 1Nessuno può dissimulare o nascondere il proprio viso nelle vie pubbliche e nei luoghi aperti al pubblico (ad eccezione dei luoghi di culto) o destinati ad offrire un servizio pubblico.
    • 2Nessuno può obbligare una persona a dissimulare il viso in ragione del suo sesso.
    • 3Le eccezioni al primo capoverso e le sanzioni sono stabilite dalla legge.
    • Protezione giuridica

      Art. 10 1Nessuno può essere sottratto al giudice stabilito dalla legge. I tribunali d’eccezione sono vietati.
    • 2Ognuno può agire in giudizio a tutela dei propri diritti; il diritto alla difesa è inviolabile.
    • 3Ognuno ha il diritto all’assistenza giudiziaria, gratuita per i meno abbienti, e di ottenere una decisione entro un termine ragionevole.
    • 4II Cantone risponde del danno materiale e morale derivante dall’ingiusta privazione della libertà personale.
    • Cittadinanza

      Art. 11 1La cittadinanza comunale e quella cantonale sono conferite alle condizioni e nei modi fissati dalla legge.
    • 2L’acquisizione della cittadinanza deve essere agevolata in particolare per coloro che risiedono nel Cantone dalla nascita.
    • Doveri

      Art. 12 Ognuno è tenuto ad adempiere ai doveri previsti dalla Costituzione e dalle leggi, a rispettare i diritti degli altri e a salvaguardare il diritto all’autodeterminazione delle generazioni future.
  • TITOLO III
    Diritti e obiettivi sociali
    • Diritti sociali

      Art. 13 1Ogni persona nel bisogno ha diritto ad un alloggio, ai mezzi necessari per condurre un’esistenza conforme alle esigenze della dignità umana e alle cure mediche essenziali.
    • 2Ogni bambino ha il diritto di essere protetto, assistito e guidato. Egli ha pure diritto ad una formazione scolastica gratuita che risponda alle sue attitudini.
    • 3Ogni persona ha diritto ad un salario minimo che le assicuri un tenore di vita dignitoso. Se un salario minimo non è garantito da un contratto collettivo di lavoro (d’obbligatorietà generale o con salario minimo obbligatorio), esso è stabilito dal Consiglio di Stato e corrisponde a una percentuale del salario mediano nazionale per mansione e settore economico interessati.[3]
    • Obiettivi sociali

      Art. 14 1Il Cantone provvede affinché:
    • a) ognuno possa sopperire ai suoi bisogni con un lavoro svolto in condizioni adeguate e venga protetto dalle conseguenze della disoccupazione che non può essergli imputata e possa beneficiare di vacanze pagate;[4]
    • b) ognuno possa trovare un’abitazione adeguata a condizioni economicamente sopportabili;
    • c) le donne possano beneficiare della necessaria sicurezza economica prima e dopo il parto;
    • d) i bambini possano disporre di adeguate condizioni di sviluppo e le famiglie vengano sostenute nell’adempimento dei loro compiti;
    • e) le aspirazioni e i bisogni dei giovani siano presi in considerazione;
    • f) ognuno possa beneficiare di un’istruzione e di una formazione adeguata e possa perfezionarsi conformemente ai suoi desideri e alle sue attitudini;
    • g) sia promossa l’occupazione ed ognuno possa scegliere liberamente la sua professione;
    • h) ogni persona bisognosa di aiuto per ragioni di età, di infermità, di malattia o di handicap possa ricevere le cure necessarie e disporre di un sufficiente sostegno;
    • i) l’ambiente naturale sia protetto dagli effetti nocivi e pregiudizievoli e preservato per le generazioni future.
    • 2Il Cantone facilita l’informazione e ne assicura il pluralismo e promuove l’espressione artistica e la ricerca scientifica.
  • TITOLO IV
    Organismi sociali
    • Compiti pubblici

      Art. 15[5] 1I compiti pubblici sono assolti dal Cantone, dai Comuni e da altre corporazioni e istituzioni di diritto pubblico nei modi stabiliti dalla Costituzione e dalle leggi.
    • 2Il Cantone promuove la collaborazione e la solidarietà fra i Comuni e favorisce uno sviluppo equilibrato fra le varie regioni.
    • 3Nell’assolvimento dei compiti pubblici, Cantone e Comuni forniscono solidalmente il loro contributo affinché alla popolazione sia garantita la giusta dotazione di servizi pubblici, in particolare in materia di strutture scolastiche e di prestazioni sociosanitarie.
    • Comune
      1. garanzia
      1.1 autonomia
      1.2 autonomia residua

      Art. 16 1Il Comune è un ente di diritto pubblico. La sua esistenza è garantita.
    • 2Esso è autonomo nei limiti della Costituzione e delle leggi.
    • 3A livello locale svolge i compiti pubblici generali che la legge non attribuisce né alla Confederazione né al Cantone.
    • 2. organizzazione

      Art. 17 1Il Comune ha quali organi l’Assemblea comunale e il Municipio; può istituire il Consiglio comunale secondo le norme previste dalla legge.
    • 2L’Assemblea comunale è costituita dagli aventi diritto di voto in materia comunale.
    • 3Il Municipio è l’organo che amministra e rappresenta il Comune.
    • 4Il diritto di iniziativa e di referendum è garantito dove esiste il Consiglio comunale.
    • 3. elezione

      Art. 18 1I membri del Municipio e del Consiglio comunale sono eletti con voto proporzionale per un periodo quadriennale.
    • 2Il Municipio si compone di almeno tre membri compreso il Sindaco che lo presiede.
    • Collaborazione intercomunale e consorzio di Comuni

      Art. 19 1Per eseguire determinate attività di pubblico interesse, i Comuni possono riunirsi in associazioni di diritto pubblico dotate di personalità giuridica oppure collaborare sotto ogni altra forma organizzativa di natura pubblica, mista o privata.
    • 2Il Consiglio di Stato può costituire consorzi di Comuni nei casi e nei limiti previsti dalla legge.
    • 3Il consorzio di Comuni è un ente di diritto pubblico costituito per l’esercizio di attività di pubblico interesse con statuto approvato dai Comuni e dal Consiglio di Stato.
    • Fusione e divisione di Comuni

      Art. 20[6] 1I Comuni non possono fondersi con altri Comuni o dividersi senza il consenso dei loro cittadini e l’approvazione del Gran Consiglio.
    • 2Il Cantone favorisce la fusione dei Comuni.
    • 3Il Gran Consiglio può decidere la fusione e la separazione di Comuni, alle condizioni previste dalla legge.
    • 4Le rettifiche di confine e le cessioni di territorio di piccola entità sono convenute direttamente dai Comuni fatta salva la ratifica del Consiglio di Stato.
    • Distretti

      Art. 21 1Il Cantone è diviso in otto distretti: Mendrisio, Lugano, Locarno, Vallemaggia, Bellinzona, Riviera, Blenio e Leventina.
    • 2La legge ne determina l’estensione e i compiti, tenendo conto del territorio, della popolazione e del decentramento amministrativo e giudiziario.
    • Patriziato

      Art. 22 1Il Patriziato è un ente di diritto pubblico, proprietario di beni di uso comune. Esso è autonomo nei limiti fissati dalla legge.
    • 2Il Cantone favorisce la collaborazione del Patriziato con i Comuni e con altri enti per l’utilizzazione razionale dei beni patriziali nell’interesse comune.
    • Vigilanza

      Art. 23 I Comuni, i consorzi di Comuni, i Patriziati e gli altri enti di diritto pubblico soggiacciono alla vigilanza del Cantone. La legge ne disciplina le modalità ed i limiti.
    • Comunità religiose

      Art. 24 1La Chiesa cattolica apostolica romana e la Chiesa evangelica riformata hanno la personalità di diritto pubblico e si organizzano liberamente.
    • 2La legge può conferire la personalità di diritto pubblico ad altre comunità religiose.
    • Partiti

      Art. 25 Il Cantone riconosce la funzione pubblica dei partiti politici e ne favorisce l’attività.
    • Sindacati e organizzazioni economiche
      e professionali

      Art. 26 Il Cantone riconosce la funzione sociale dei sindacati e delle organizzazioni economiche e professionali e ne favorisce l’attività.
  • TITOLO V
    Diritti e doveri politici
    • Diritti politici
      1. organizzazione ed esercizio

      Art. 27 1Ogni svizzero domiciliato nel Cantone acquista i diritti politici a diciotto anni compiuti, in conformità della Costituzione e delle relative leggi.
    • 2È escluso dai diritti politici l’interdetto per infermità o debolezza mentali e incapace di discernimento.
    • 2. diritto di voto

      Art. 28[7] 1Il diritto di voto è il diritto di partecipare alle votazioni ed elezioni cantonali e comunali.
    • 2Esso comprende il diritto di sottoscrivere le domande di iniziativa, di referendum, di revoca del Consiglio di Stato e di revoca del Municipio.
    • 3Il diritto di voto si esercita nel Comune di domicilio, salvo eccezioni stabilite dalla legge.
    • 3. eleggibilità

      Art. 29 1È eleggibile a membro di un’autorità cantonale chi ha il diritto di voto a livello federale.
    • 2È eleggibile a membro di un’autorità comunale chi è domiciliato nel Comune.
    • 3I motivi di esclusione sono stabiliti dalla legge.
    • 4La legge stabilisce entro quali termini l’eletto non domiciliato nel Cantone deve prendervi domicilio.
    • 4. ineleggibilità e destituzione

      Art. 29a[8] 1È ineleggibile alla carica di membro del Gran Consiglio, del Consiglio di Stato e di membro e supplente del Municipio il cittadino condannato alla pena detentiva o alla pena pecuniaria per crimini o delitti contrari alla dignità della carica.
    • 2Chiunque si trovi in condizioni di ineleggibilità è destituito dalla carica.
    • 5. ticinesi all’estero[9]

      Art. 30 Il ticinese all’estero acquista i diritti politici a diciotto anni compiuti. La legge ne disciplina l’esercizio.
    • Segretezza

      Art. 31 1Il segreto del voto è inviolabile.
    • 2La legge provvede a impedire il controllo per garantire la libertà del cittadino.
    • Dovere di votare

      Art. 32 La partecipazione alle votazioni e alle elezioni è un dovere civico.
    • Dovere di accettare la carica

      Art. 33 1Ogni eletto dal popolo ad una carica pubblica ha il dovere di accettarla.
    • 2La legge può rendere obbligatoria l’accettazione.
    • Informazione e agevolazione del voto

      Art. 34 1Le autorità provvedono ad informare i cittadini sugli oggetti in votazione.
    • 2L’esercizio del diritto di voto deve essere agevolato.
  • TITOLO Vbis[10]
    Regime finanziario
    • Principi generali

      Art. 34bis[11] 1La gestione finanziaria dello Stato è retta dai principi della legalità, della parsimonia e dell’economicità; le finanze devono essere equilibrate a medio termine, tenuto conto dell’evoluzione economica.
    • 2Prima di assumere un nuovo compito, il Cantone ne esamina la sopportabilità finanziaria e le modalità di finanziamento.
    • 3Ogni compito deve essere valutato periodicamente al fine di verificare se è ancora necessario e utile e se il carico finanziario che comporta è sopportabile.
    • Freno ai disavanzi:
      principi e misure di riequilibrio finanziario

      Art. 34ter[12] 1Di principio, il preventivo e il consuntivo di gestione corrente devono essere presentati in equilibrio.
    • 2Tenuto conto della situazione economica e di eventuali bisogni finanziari eccezionali, possono essere preventivati dei disavanzi entro i limiti definiti dalla legge.
    • 3I limiti definiti dalla legge vanno rispettati attraverso misure di contenimento della spesa, di aumento dei ricavi o di adeguamento del coefficiente d’imposta cantonale.
    • 4Eventuali disavanzi del conto di gestione corrente a consuntivo sono compensati con avanzi precedentemente realizzati; se ciò non è possibile devono essere recuperati nei termini indicati dalla legge.
    • 5Il Cantone adotta tempestivamente le misure necessarie a garantire il rispetto del principio dell’equilibrio finanziario.
    • 6Per decidere l’aumento del coefficiente d’imposta cantonale è necessaria la maggioranza qualificata di almeno 2/3 dei votanti in Gran Consiglio.
  • TITOLO VI
    Elezioni, iniziativa popolare, referendum e revoca[13]
    • Elezioni popolari

      Art. 35 1Sono eletti dal popolo in un unico circondario costituito dall’intero Cantone:
    • a) la Costituente;
    • b) il Gran Consiglio;
    • c) il Consiglio di Stato;
    • d) i deputati al Consiglio degli Stati;
    • e) i deputati al Consiglio nazionale.
    • 2Il giudice di pace è eletto dal popolo nel circondario elettorale corrispondente alla giurisdizione; è ineleggibile il cittadino condannato alla pena detentiva o alla pena pecuniaria per crimini o delitti contrari alla dignità della carica.[14]
    • 3Sono eletti dal popolo nel Comune:
    • a) il Consiglio comunale;
    • b) il Municipio;
    • c) il Sindaco.
    • Elezioni di competenza del Gran Consiglio

      Art. 36[15] 1Sono eletti dal Gran Consiglio:
    • a) i giudici del Tribunale d’appello;
    • b) il Presidente dei Giudici dell’istruzione e dell’arresto e i Giudici dell’istruzione e dell’arresto;
    • c) il Procuratore generale e i Procuratori pubblici;
    • d) i Pretori;
    • e) i Presidenti e i membri dei Tribunali delle espropriazioni;
    • f) il Magistrato dei minorenni;
    • g) i membri di sua competenza del Consiglio della magistratura;
    • h) i giurati cantonali.
    • 2Per le funzioni previste al cpv. 1, lett. da a) a f), l’elezione avviene previo concorso e dopo che una Commissione di esperti indipendenti, nominata dal Gran Consiglio, ha esaminato e preavvisato le nuove candidature.
    • Iniziativa popolare legislativa
      1. principio

      Art. 37 1Settemila cittadini aventi diritto di voto possono, in ogni tempo, presentare al Gran Consiglio una domanda di iniziativa in materia legislativa.
    • 2Con la domanda di iniziativa si può proporre al Gran Consiglio l’accettazione, l’elaborazione, la modificazione o l’abrogazione di una legge o di un decreto legislativo.
    • 3La raccolta delle firme deve avvenire entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione nel Foglio ufficiale della domanda di iniziativa.
    • 2. ricevibilità

      Art. 38 Se il numero di firme è raggiunto, il Gran Consiglio esamina preliminarmente la ricevibilità della domanda di iniziativa, verificandone la conformità al diritto superiore, l’unità della forma e della materia e l’attuabilità entro un anno dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda.
    • 3. forma della domanda

      Art. 39 1La domanda di iniziativa popolare può essere presentata in forma elaborata o generica.
    • 2Nel primo caso, se non è accolta dal Gran Consiglio, la domanda viene sottoposta al voto popolare. Nel secondo caso, il Gran Consiglio è tenuto a elaborare il progetto nel senso della domanda.
    • 3Il Gran Consiglio può sottoporre contemporaneamente un controprogetto sulla stessa materia. In ogni caso l’iniziativa può essere ritirata.
    • 4. procedura per il voto

      Art. 40 Se all’iniziativa popolare il Gran Consiglio contrappone un proprio progetto, i cittadini aventi diritto di voto devono decidere, in un’unica votazione, se preferiscono l’iniziativa o il controprogetto rispetto al diritto vigente; hanno pure la facoltà di accettare o respingere entrambe le proposte e di esprimere la loro preferenza nel caso in cui iniziativa e controprogetto vengano accettati.
    • Iniziativa legislativa dei Comuni

      Art. 41 1Un quinto dei Comuni può, in ogni tempo, presentare al Gran Consiglio una domanda di iniziativa in materia legislativa.
    • 2Per la forma della domanda e la procedura di voto valgono le disposizioni relative all’iniziativa popolare.
    • Referendum facoltativo

      Art. 42 Sottostanno al voto popolare se richiesto nei quarantacinque giorni dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale da almeno settemila cittadini aventi diritto di voto oppure da un quinto dei Comuni:
    • a) le leggi e i decreti legislativi di carattere obbligatorio generale;
    • b) gli atti che comportano una spesa unica superiore a
    • fr.1 000 000.--o una spesa annua superiore a
      fr. 250 000.--per almeno quattro anni;
    • c) gli atti di adesione a una convenzione di diritto pubblico di carattere legislativo.
    • Clausola d’urgenza

      Art. 43 1Le leggi e i decreti legislativi di carattere obbligatorio generale, giudicati di natura urgente, entrano immediatamente in vigore se lo decide la maggioranza dei membri del Gran Consiglio.
    • 2L’atto urgente perde la sua validità dopo un anno dalla sua entrata in vigore e non può essere rinnovato in via d’urgenza.
    • Revoca del Consiglio di Stato

      Art. 44 1Quindicimila cittadini aventi diritto di voto possono presentare al Gran Consiglio la domanda di revoca del Consiglio di Stato.
    • 2La domanda di revoca non può essere presentata prima che sia trascorso un anno né dopo trascorsi tre anni dall’elezione integrale.
    • 3La raccolta delle firme deve avvenire entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione sul Foglio ufficiale della domanda di revoca.
    • Revoca del Municipio

      Art. 44a[16] 1I cittadini del Comune aventi diritto di voto possono presentare al Consiglio di Stato la domanda di revoca del Municipio.
    • 2La domanda di revoca non può essere depositata né nel primo né nell’ultimo anno della legislatura.
    • 3La domanda di revoca del Municipio deve raccogliere l’adesione di almeno il 30% dei cittadini aventi diritto di voto, nel termine di sessanta giorni dalla sua pubblicazione all’albo comunale.
    • Norme di applicazione

      Art. 45[17] La legge stabilisce le norme di applicazione in materia di votazioni ed elezioni, di iniziativa, di referendum, di revoca del Consiglio di Stato e di revoca del Municipio.
    • Votazione

      Art. 46[18] 1Le votazioni in materia di iniziativa, di referendum e di revoca del Consiglio di Stato devono aver luogo entro sessanta giorni dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda, rispettivamente dalla conclusione delle deliberazioni del Gran Consiglio.
    • 2La votazione popolare deve aver luogo in ogni caso al più tardi entro due anni dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda di iniziativa.
    • 3La votazione in materia di revoca del Municipio deve avere luogo entro sessanta giorni dalla pubblicazione all’albo comunale del risultato della domanda.
  • TITOLO VII
    Relazioni con la Confederazione, i Cantoni e i Paesi limitrofi
    • Relazioni con la Confederazione e i Cantoni

      Art. 47 1Il Cantone partecipa con impegno solidale alla realizzazione degli interessi comuni della Confederazione e dei Cantoni.
    • 2A questo fine il Consiglio di Stato cura le relazioni con i deputati ticinesi alle Camere federali.
    • Deputati al Consiglio degli Stati

      Art. 48 1I deputati al Consiglio degli Stati sono eletti ogni quattro anni contemporaneamente ai deputati al Consiglio nazionale, con la maggioranza assoluta al primo turno.
    • 2È ineleggibile il cittadino condannato alla pena detentiva o alla pena pecuniaria per crimini o delitti contrari alla dignità della carica.[19]
    • Cooperazione transfrontaliera

      Art. 49 Il Cantone agevola e promuove la cooperazione transfrontaliera.
    • Mandato alle autorità

      Art. 50 Nelle relazioni con la Confederazione, con gli altri Cantoni e con i Paesi limitrofi, le autorità devono promuovere e tutelare l’identità, l’autonomia, gli obiettivi sociali e l’interesse economico del Cantone.
  • TITOLO VIII
    Autorità
    A. Norme comuni
    • Separazione dei poteri

      Art. 51 L’autorità in quanto non riservata al popolo è esercitata dai tre poteri, tra loro distinti e separati, il Legislativo, l’Esecutivo, il Giudiziario.
    • Elezioni

      Art. 52 L’elezione del Gran Consiglio e del Consiglio di Stato ha luogo contemporaneamente ogni quattro anni, nel mese di aprile, nel giorno stabilito dal Consiglio di Stato.
    • Organizzazione

      Art. 53 La legge regola l’organizzazione dei tre poteri e i rapporti tra Gran Consiglio e Consiglio di Stato.
    • Incompatibilità

      Art. 54 1Nessuno può essere contemporaneamente Consigliere di Stato, deputato al Gran Consiglio, magistrato dell’ordine giudiziario cantonale o federale.[20]
    • 2I Consiglieri di Stato e i magistrati dell’ordine giudiziario non possono essere contemporaneamente membri del Consiglio degli Stati o del Consiglio nazionale, né membri di un Municipio. I Consiglieri di Stato non possono inoltre essere membri di un Consiglio comunale.
    • 3La carica di deputato al Gran Consiglio è incompatibile con un impiego pubblico salariato cantonale; la legge regola le eccezioni.
    • 4La legge regola le incompatibilità per parentela, mandato o professione per i membri delle autorità.
    • Esclusione e ricusa

      Art. 55 1Ogni membro di autorità deve astenersi dal suo ufficio qualora l’indipendenza o l’imparzialità sia compromessa.
    • 2La legge regola i motivi di esclusione e di ricusa.
    • Informazione

      Art. 56 Ogni autorità informa adeguatamente sulla propria attività. Non devono essere lesi interessi pubblici o privati preponderanti.
  • B. Potere legislativo
    • Gran Consiglio

      Art. 57 1Il Gran Consiglio di novanta membri è l’autorità legislativa del Cantone.
    • 2Esso esercita l’alta vigilanza sul Consiglio di Stato e sui tribunali ed esercita gli attributi della sovranità che la Costituzione non riserva esplicitamente ad altra autorità.
    • Elezione

      Art. 58 1Il Gran Consiglio è eletto in un unico circondario con il sistema proporzionale con facoltà ai partiti di garantire la rappresentanza regionale.
    • 2La legge ne disciplina le modalità.
    • Competenze

      Art. 59[21] 1Il Gran Consiglio:
    • a) stabilisce la sua organizzazione e le modalità per le discussioni e le decisioni;
    • b) verifica i poteri dei suoi membri;
    • c) adotta, modifica o respinge i progetti di legge e di decreto legislativo;
    • d) autorizza il prelevamento delle imposte e le spese;
    • e) decide i programmi attribuitigli per legge, esamina quelli elaborati dal Consiglio di Stato e ne verifica l’attuazione;
    • f) stabilisce, su proposta del Consiglio di Stato, il bilancio preventivo delle entrate e delle spese del Cantone;
    • g) esamina ogni anno l’amministrazione e i conti del Cantone su rapporto del Consiglio di Stato e li approva;
    • h) si fa render conto dal Consiglio di Stato dell’esecuzione delle leggi, dei decreti e dei regolamenti;
    • i) autorizza o ratifica l’alienazione e la concessione dei beni cantonali, in quanto la legge non le demandi al Consiglio di Stato;
    • l) fissa la retribuzione ai magistrati e ai dipendenti;
    • m) procede alle nomine che gli sono attribuite dalla Costituzione e dalle leggi;
    • n) destituisce dalla carica il membro del Gran Consiglio o del Consiglio di Stato che si trova in condizioni di ineleggibilità;[22]
    • o) esercita il diritto di amnistia e di grazia;
    • p) esercita i compiti giurisdizionali attribuitigli dalla legge;
    • q) approva le convenzioni di diritto pubblico di carattere legislativo e quelle che comportano una spesa soggetta a referendum;
    • r) esercita i diritti di iniziativa e referendum che la Costituzione federale attribuisce al Cantone.
    • 2A ciascun membro del Gran Consiglio spetta il diritto di iniziativa in materia di revisione parziale della Costituzione e in materia legislativa.
    • Sedute

      Art. 60 1Il Gran Consiglio è convocato dal Consiglio di Stato in seduta costitutiva entro trenta giorni dalla data dell’elezione.
    • 2Il presidente convoca il Gran Consiglio quando lo richiede il regolare svolgimento delle funzioni e quando lo domandano il Consiglio di Stato o almeno trenta deputati.
    • Presidenza

      Art. 61 Il Gran Consiglio nomina nel mese di maggio il presidente, che sta in carica un anno e non è immediatamente rieleggibile.
    • Deliberazioni

      Art. 62 1Il Gran Consiglio può discutere e decidere solo se è presente la maggioranza assoluta dei suoi membri.
    • 2Per decidere la destituzione di un membro del Consiglio di Stato è necessaria la maggioranza assoluta dei membri del Gran Consiglio.
    • Pubblicità

      Art. 63 Le sedute del Gran Consiglio sono pubbliche.
    • Seconda deliberazione

      Art. 64 1Se il Consiglio di Stato non ha dato l’adesione alla legge o al decreto legislativo, il Gran Consiglio procede ad una seconda deliberazione.
    • 2Il Consiglio di Stato ha la facoltà di presentare le sue osservazioni entro un termine massimo di tre mesi.
  • C. Potere esecutivo
    • Consiglio di Stato

      Art. 65 1Il Consiglio di Stato di cinque membri è l’autorità governativa ed esecutiva del Cantone.
    • 2Esso dirige collegialmente gli affari cantonali in base alle competenze previste dalla Costituzione e dalle leggi.
    • Elezione

      Art. 66 1Il Consiglio di Stato è eletto in un unico circondario con il sistema proporzionale.
    • 2La ripartizione dei seggi fra i gruppi si effettua in base al quoziente risultante dalla divisione della somma dei voti validi ottenuti dai singoli gruppi per il numero dei seggi da assegnare aumentato di uno.
    • 3Ad ogni gruppo sono assegnati tanti seggi quante volte il quoziente è contenuto nel totale dei suoi voti.
    • 4I seggi restanti sono ripartiti dividendo il numero dei voti ottenuti da ogni gruppo per quello dei seggi già assegnatigli aumentato di uno, ritenuto:
    • a) che al gruppo che ottiene il maggior quoziente è assegnato un ulteriore seggio;
    • b) che l’operazione va ripetuta fino alla ripartizione di tutti i seggi.
    • 5La legge regola le modalità dell’elezione nel caso di una vacanza durante il periodo amministrativo, in particolare se un gruppo non propone il subentrante quando la lista dei candidati è esaurita.
    • Sedute

      Art. 68 Le sedute del Consiglio di Stato non sono pubbliche, salvo i casi previsti dalla legge.
    • Organizzazione

      Art. 69 1Il Consiglio di Stato nomina annualmente tra i suoi membri un presidente e un vicepresidente non immediatamente rieleggibili.
    • 2Per ogni decisione del Consiglio di Stato occorre la maggioranza assoluta dei suoi membri; per ogni revoca, sospensione o modifica di atti individuali e concreti occorre il voto concorde di almeno quattro membri.
    • 3I Consiglieri di Stato non possono astenersi dal voto.
    • 4Il Consiglio di Stato organizza ed esercita l’attività per mezzo dei Dipartimenti e delle altre istanze subordinate.
    • 5La legge regola il diritto di ricorso contro le decisioni del Consiglio di Stato, dei Dipartimenti e delle altre istanze subordinate.
    • Competenze

      Art. 70 Il Consiglio di Stato, riservati i diritti del popolo e del Gran Consiglio:
    • a) pianifica l’attività del Cantone e provvede a realizzarne i programmi;
    • b) cura l’esecuzione delle leggi federali e cantonali e delle decisioni del Gran Consiglio; emana le necessarie norme mediante decreti esecutivi, regolamenti, risoluzioni o altre disposizioni;
    • c) amministra le finanze ed i beni del Cantone e presenta annualmente i conti consuntivi e preventivi;
    • d) dirige l’amministrazione cantonale e ne fa rapporto ogni anno al Gran Consiglio;
    • e) nomina i dipendenti e le persone incaricate di una funzione pubblica cantonale, salvo diversa disposizione della Costituzione o della legge;
    • f) vigila sulle autorità dei Comuni e degli altri enti pubblici e ne coordina l’attività nei limiti fissati dalla legge;
    • g) assicura l’ordine pubblico;
    • h) rappresenta il Cantone nei confronti della Confederazione, degli altri Cantoni e di ogni altra autorità;
    • i) risponde alle consultazioni promosse dalla Confederazione e può sottoporre gli oggetti di particolare importanza al Gran Consiglio.
    • Attività legislativa

      Art. 71 1Il Consiglio di Stato ha l’iniziativa per modificare la Costituzione e per presentare progetti di legge e di decreto legislativo.
    • 2Esso può avvalersi di periti o speciali commissioni e consultare i Comuni, i partiti politici ed altre organizzazioni. Chiunque può inoltrare osservazioni.
    • 3È facoltà del Consiglio di Stato di ritirare un suo progetto prima della definitiva accettazione del Gran Consiglio.
    • Presenza in Gran Consiglio

      Art. 72 Il Consiglio di Stato assiste al completo o per delegazione alle sedute del Gran Consiglio.
  • D. Potere giudiziario
    • Tribunali

      Art. 73 1I tribunali esercitano il potere giudiziario.
    • 2Essi decidono in modo indipendente e sono vincolati dalla legge; essi non possono applicare norme cantonali che fossero contrarie al diritto federale o alla Costituzione cantonale.
    • Giurisdizione

      Art. 74 I tribunali hanno giurisdizione in materia civile, penale e amministrativa. A un tribunale possono essere affidate più giurisdizioni.
    • Tribunali civili

      Art. 75 1La giurisdizione civile è esercitata:
    • a) dai Giudici di pace;
    • b) dai Pretori;
    • c) dal Tribunale d’appello.
    • 2Le controversie di diritto commerciale, del lavoro e di locazione possono dalla legge essere attribuite ad altri tribunali.
    • Tribunali penali

      Art. 76 1La giurisdizione penale è esercitata:
    • a) dal Tribunale penale di prima istanza;
    • b) dal Tribunale penale di seconda istanza;
    • c) dal Magistrato dei minorenni.
    • 2La legge disciplina la partecipazione dei giurati.
    • 3La legge può attribuire a magistrati giudiziari ed altre autorità giudiziarie competenze per decisioni di prima istanza e ad autorità amministrative competenze in materia di multe.
    • Tribunali amministrativi

      Art. 77 1La giurisdizione amministrativa è esercitata:
    • a) dal Tribunale amministrativo;
    • b) dal Tribunale delle assicurazioni;
    • c) dal Tribunale fiscale;
    • d) dal Tribunale delle espropriazioni;
    • e) …[24]
    • 2Le decisioni di prima istanza possono essere affidate ad autorità amministrative.
    • 3La legge stabilisce l’autorità che decide i conflitti di competenza in materia di diritto amministrativo.
    • Inchieste giudiziarie e pubblica accusa

      Art. 78 La legge affida a magistrati il compito di esperire l’inchiesta giudiziaria e di rappresentare la pubblica accusa.
    • Consiglio della magistratura

      Art. 79 1La vigilanza sui magistrati è esercitata dal Consiglio della magistratura che ne riferisce al Gran Consiglio.
    • 2Esso si compone di sette membri: quattro eletti dal Gran Consiglio e tre dall’assemblea dei magistrati a tempo pieno, secondo le modalità stabilite dalla legge.
    • Organizzazione e requisiti

      Art. 80 La legge stabilisce l’organizzazione giudiziaria, le competenze, le procedure, i requisiti di formazione professionale e l’età massima per i magistrati.
    • Periodo di nomina ed elezione

      Art. 81[25] 1Il periodo di nomina dei magistrati è di dieci anni.
    • 2I giudici di pace sono eletti con il sistema maggioritario nei circondari uninominali e con il sistema proporzionale negli altri casi.
    • 3La legge regola le nomine di competenza del Gran Consiglio.
  • TITOLO IX
    Revisione della Costituzione
    • Principio

      Art. 82 1La Costituzione può essere modificata in ogni tempo totalmente o parzialmente.
    • 2Il progetto di riforma parziale può contenere su singoli oggetti al massimo due varianti.
    • 3Ogni revisione della Costituzione deve essere approvata in votazione popolare.
    • Revisione totale:
      1. Proposta

      Art. 83 1La revisione totale della Costituzione può essere proposta:
    • a) dal Consiglio di Stato;
    • b) dal Gran Consiglio, con il voto della maggioranza dei suoi membri;
    • c) da almeno diecimila cittadini aventi diritto di voto.
    • 2La raccolta delle firme deve avvenire entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione nel Foglio ufficiale della domanda di iniziativa.
    • 2. Procedura

      Art. 84[26] 1Quando la proposta è di iniziativa popolare o del Gran Consiglio i cittadini aventi diritto di voto devono preliminarmente decidere, in un’unica votazione, se vogliono la revisione totale e se il progetto deve essere elaborato dal Gran Consiglio oppure dalla Costituente.
    • 2L’iniziativa popolare per la revisione totale può essere ritirata sino allo svolgimento della votazione preliminare.
    • 3La Costituente viene eletta entro sei mesi nei modi stabiliti per la nomina del Gran Consiglio, con uguale numero di deputati, e resta in carica al massimo cinque anni.
    • 4Consiglio di Stato e Gran Consiglio applicano la procedura prevista per la legislazione cantonale.
    • Revisione parziale
      1. per iniziativa del Consiglio di Stato o
      del Gran Consiglio
      2. per iniziativa del popolo

      Art. 85 1La revisione parziale della Costituzione per iniziativa del Consiglio di Stato o del Gran Consiglio avviene secondo la procedura prevista per la legislazione cantonale.
    • 2La revisione parziale della Costituzione può essere chiesta da almeno diecimila cittadini aventi diritto di voto, secondo la procedura stabilita dalla legge.
    • 3La revisione parziale deve limitarsi ad un campo normativo unitario; può comprendere più disposizioni.
    • 4La raccolta delle firme deve avvenire entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione nel Foglio ufficiale della domanda di iniziativa.
    • 3. Ricevibilità

      Art. 86 Se il numero di firme è raggiunto, il Gran Consiglio esamina preliminarmente la ricevibilità della domanda di iniziativa, verificandone la conformità al diritto superiore, l’unità della forma e della materia e l’attuabilità entro un anno dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda.
    • 4. Forma della iniziativa popolare

      Art. 87 1La domanda di iniziativa popolare può essere presentata in forma elaborata o generica.
    • 2Nel primo caso, la domanda viene sottoposta al voto popolare; il Gran Consiglio può sottoporre contemporaneamente un controprogetto sulla stessa materia.
    • 3Nel secondo caso, il Gran Consiglio è tenuto a elaborare, nel senso della domanda, il progetto da sottoporre al voto popolare; esso può sottoporre un controprogetto sulla stessa materia.
    • 4L’iniziativa per la revisione parziale può essere ritirata.
    • 5. Procedura con controprogetto

      Art. 88 Se all’iniziativa popolare per la revisione parziale il Gran Consiglio contrappone un proprio progetto, i cittadini aventi diritto di voto devono decidere, in un’unica votazione, se preferiscono l’iniziativa o il controprogetto rispetto al diritto vigente; hanno pure la facoltà di accettare o respingere entrambe le proposte e di esprimere la loro preferenza nel caso in cui iniziativa e controprogetto vengano accettati.
    • Termini

      Art. 89[27] 1Nel caso di revisione totale, l’autorità designata deve allestire il progetto entro cinque anni dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale dei risultati della votazione preliminare.
    • 2Nel caso di revisione parziale, il Gran Consiglio deve concludere le deliberazioni entro 18 mesi dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda d’iniziativa popolare o dalla presentazione del messaggio relativo del Consiglio di Stato.
    • Votazione

      Art. 90 1La votazione preliminare sull’iniziativa per la revisione totale della Costituzione deve aver luogo entro sessanta giorni dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda.
    • 2Le altre votazioni in materia di iniziativa costituzionale devono aver luogo entro sessanta giorni dalla conclusione delle deliberazioni del Gran Consiglio o della Costituente.
    • 3La votazione sull’iniziativa per la revisione parziale deve aver luogo in ogni caso al più tardi entro due anni dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale del risultato della domanda.
  • TITOLO X
    Norme transitorie e finali
    • Entrata in vigore

      Art. 91 1La Costituzione entra in vigore il primo gennaio dell’anno successivo a quello dell’approvazione del popolo.[28]
    • 2Da questa data la Costituzione della Repubblica e Cantone del Ticino del 4 luglio 1830, riordinata il 29 ottobre 1967, è abrogata.
    • Validità del diritto attuale

      Art. 92 1Il diritto in vigore mantiene la propria validità. Le norme materialmente contrarie alla Costituzione decadono.
    • 2Le norme adottate secondo una procedura non più prevista dalla Costituzione rimangono in vigore. La loro modificazione soggiace alla nuova procedura.
    • Nuovo diritto

      Art. 93 1L’adeguamento del diritto alla Costituzione avviene nel termine di cinque anni dall’entrata in vigore.
    • 2Entro un anno dall’entrata in vigore della Costituzione il Consiglio di Stato informa il Gran Consiglio con un rapporto sulle necessarie modifiche legislative. Il Gran Consiglio lo discute.
    • Iniziative popolari e referendum facoltativi

      Art. 94 Iniziative depositate e referendum promossi contro leggi e decreti legislativi approvati prima dell’entrata in vigore della Costituzione sono regolati dal vecchio diritto.
    • Autorità e magistrati

      Art. 95[29] Il vecchio diritto regola la durata in carica di autorità e magistrati nonché la loro sostituzione fino alla scadenza del periodo di elezione o di nomina.
    • Disposizione transitoria dell’art. 9a

      Art. 96[30] L’art. 9a entra in vigore contemporaneamente alla nuova legge di applicazione.
    • Approvata con votazione popolare cantonale del 14.12.1997: voti favorevoli 40'455, voti contrari 10'984.
    • Entrata in vigore: 1° gennaio 1998.

    Pubblicata nel BU 1997, 575.