821.100

 : L sul registro dei tumori - 21 giugno 1994

 

Legge

sul registro dei tumori

(del 21 giugno 1994)

 

IL GRAN CONSIGLIO

DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

 

vista l’iniziativa popolare elaborata in materia legislativa del 23 febbraio 1993 concernente la legge che istituisce il registro dei tumori;

visto il rapporto 2 maggio 1994 della Commissione speciale sanitaria;

richiamati gli art. 57 e 59 della Costituzione cantonale e la legge sull’iniziativa popolare, sul referendum e sulla revoca del Consiglio di Stato del 22 febbraio 1954,

decreta:

Registro dei tumori

Art. 1È istituito il Registro cantonale dei tumori (di seguito Registro). Esso è diretto da un medico esperto in epidemiologia ed è amministrativamente attribuito e subordinato all’Istituto cantonale di patologia.

 

Scopo

Art. 21Il Registro ha lo scopo primario di raccogliere ed elaborare in modo sistematico i dati concernenti i casi di patologie tumorali (maligne e semi maligne) comunicati dai medici titolari di studi privati, dagli istituti ospedalieri pubblici e privati, dalle cliniche, dalle case per anziani o dalle altre strutture sanitarie del Cantone, atti ad accrescere le conoscenze sull’incidenza e la diffusione delle malattie tumorali nella popolazione del Cantone.

2I dati contenuti nel Registro, anonimizzati, sono a disposizione di ricercatori e di organismi specializzati nazionali ed internazionali.

 

Trasmissione dei dati

Art. 31I dati sono trasmessi al Registro in modo tale che sia rispettato il segreto medico previsto dall’art. 321 del Codice penale svizzero.

2Qualora il Registro abbia ricevuto dalla Commissione peritale del segreto professionale in materia di ricerca medica (Commissione peritale), prevista dall’Ordinanza federale 14 giugno 1993[1] concernente l’autorizzazione a togliere il segreto professionale in materia di ricerca medica, un’autorizzazione generale che lo abiliti a ricevere dati non ancora anonimizzati, la trasmissione avviene senza preventiva anonimizzazione.

3In tal caso il direttore del Registro è tenuto ad anonimizzare i dati secondo le direttive contenute nell’Ordinanza federale 14 giugno 1993 e nella decisione di autorizzazione.

 

Conservazione dei dati non anonimizzati

Art. 4I dati non anonimizzati sono conservati secondo le direttive contenute nell’Ordinanza federale del 14 giugno 1993 e nella decisione di autorizzazione.

 

Diritto di rettifica

Art. 51Le persone i cui dati non anonimizzati sono stati trasmessi al Registro, hanno diritto di essere informate sulle registrazioni che le riguardano e di ottenere la rettifica di eventuali errori.

2Le domande di informazione e di rettifica sono di regola presentate per il tramite del medico curante.

 

Obbligo di mantenere il segreto

Art. 6Il direttore medico così come ogni collaboratore del Registro hanno l’obbligo di mantenere il segreto sui fatti e sui dati di cui vengono a conoscenza durante lattività di servizio al Registro e che sono per loro di natura confidenziale.

 

Vigilanza

Art. 7[2]1Il Registro è sottoposto alla vigilanza di una Commissione cantonale di vigilanza.

2Il Consiglio di Stato nomina la Commissione cantonale dopo aver sentito il Direttore dell’Istituto cantonale di patologia e l’Ordine dei medici del Cantone Ticino. Della medesima fa parte anche l’Incaricato cantonale della protezione dei dati.

 

Regolamento d’applicazione

Art. 8Il Regolamento d’applicazione stabilisce i particolari, in specie relativi alla trasmissione dei dati, all’organizzazione del Registro e della Commissione di vigilanza.

 

Entrata in vigore

Art. 91La presente legge, se accolta in votazione popolare o - in caso di ritiro dell’iniziativa - trascorsi i termini per l’esercizio del diritto di referendum, è pubblicata nel Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi.

2Il Consiglio di Stato ne stabilisce la data di entrata in vigore.[3]

 

 

Pubblicata nel BU 1994, 509.

 

 


[1]  RS 235.154

[2]  Art. modificato dal R 23.6.2008; in vigore dal 1.10.2008 - BU 2008, 552.

[3]  Entrata in vigore: 1° ottobre 1994 - BU 1994, 509.