752.110

 5.1.7.1.1: R d’ applicazione della L sulle scuole medie superiori e sulla Scuola tecnica superiore - 22 settembre 1987

 

Regolamento

sulla tassa di collegamento

(RTColl)

(del 28 giugno 2016)

 

IL CONSIGLIO DI STATO

DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

 

vista la legge sui trasporti pubblici (LTPub) del 14 dicembre 2015,

decreta:

Scopo

Art. 1Il presente regolamento disciplina la tassa di collegamento di cui agli art. 35 e segg. della legge sui trasporti pubblici (LTPub) del 6 dicembre 1994.

 

Autorità competente

(art. 35h-35o, 35r LTPub)

Art. 21La Sezione della mobilità del Dipartimento del territorio è l’autorità competente a prelevare la tassa di collegamento.

2Essa esercita tutte le funzioni conferite dalla LTPub all’autorità competente, con facoltà di delegare a terzi il conteggio e i controlli dei posteggi assoggettati o potenzialmente assoggettati alla tassa.

 

Comuni in cui si preleva la tassa

(art. 35b cpv. 1 LTPub)

Art. 3La tassa di collegamento è prelevata nei Comuni elencati nell’allegato 1 al regolamento della legge sullo sviluppo territoriale (RLst) del 20 dicembre 2011.

 

Posteggi non soggetti alla tassa

(art. 35 e 35b cpv. 2 LTPub)

Art. 4Non sono soggetti alla tassa i posti auto e gli spazi destinati esclusivamente:

a)al servizio di abitazioni;

b)a veicoli di servizio, fornitori, carico e scarico, esposizione e deposito.

 

Connessione spaziale e funzionale

(art. 35b cpv. 2 LTPub)

Art. 51Sono in connessione spaziale i posteggi autorizzati come impianto unitario.

2Sono in connessione funzionale i posteggi al servizio della medesima costruzione o complesso di costruzioni, come pure quelli che possono essere utilizzati indifferentemente dalla medesima utenza.

 

Esenzioni

(art. 35d LTPub)

Art. 61Sono esentati dalla tassa i posti auto destinati esclusivamente per:

a)attività alberghiere e di ristorazione;

b)attività di svago e culturali (strutture sportive ed espositive, cinematografi, teatri, ecc.);

c)luoghi di culto;

d)i visitatori di strutture sociosanitarie.

2Sono inoltre esentati:

a)i posteggi pubblici definiti come tali dai piani regolatori ai sensi della legge sullo sviluppo territoriale (LST) del 21 giugno 2011, limitatamente ai posti auto non riservati o concessi in abbonamento a utenti che si spostano sistematicamente (pendolari);

b)i posteggi di interscambio (Park and Ride);

c)i posteggi di attestamento definiti dal piano direttore (art. 8 segg. LST).

 

 

 

 

Ammontare della tassa

(art. 35e LTPub)

Art. 7La tassa di collegamento è stabilita:

a)per i posteggi destinati al personale e ad altri utenti che si spostano in modo sistematico in fr. 3.50 al giorno per posto auto;

b)per i posteggi destinati a clienti e visitatori in fr. 1.50 al giorno per posto auto.

 

Riduzione della tassa

(art. 35f LTPub)

Art. 81La riduzione della tassa è stabilita di regola con la decisione di tassazione (art. 11).

2La riduzione della tassa di cui al cpv. 3 dell’art. 35f LTPub decade, se entro il termine di 10 anni i posti auto dismessi sono ripristinati. La Sezione della mobilità stabilisce l’importo da restituire in base ai posti auto ripristinati, diminuendo la pretesa proporzionalmente al periodo di effettiva dismissione.

3La riduzione della tassa di cui al cpv. 4 dell’art. 35f LTPub è riconosciuta annualmente, nella misura in cui viene mantenuta la relativa riduzione di posteggi.

4Quanto stabilito al cpv. 3 vale anche nel caso di riduzione di posteggi avvenuta prima dell’entrata in vigore della tassa di collegamento.

5Se le condizioni per il conferimento della riduzione sono realizzate unicamente per una parte del periodo di tassazione (art. 11 cpv. 1), la riduzione è riconosciuta pro rata temporis.

 

Procedura

a) dichiarazione

(art. 35h LTPub)

Art. 91La dichiarazione dei proprietari deve indicare i fondi su cui sono ubicati i posteggi, la loro destinazione e il numero dei posti auto.

2Alla prima dichiarazione, e successivamente in caso di modifica, va allegata la licenza edilizia con il piano di progetto approvato relativo ai posteggi.

 

b) accertamento

(art. 35i LTPub)

Art. 101La Sezione della mobilità può richiedere o richiamare la documentazione attestante le circostanze rilevanti ai fini dell’assoggettamento, in particolare la licenza edilizia e il computo dei posteggi autorizzati secondo gli art. 51 - 62 del regolamento della legge sullo sviluppo territoriale (RLst) del 20 dicembre 2011.

2In caso di conteggio in loco dei posteggi viene data al proprietario facoltà di partecipare; è tuttavia riservata la possibilità di effettuare conteggi senza preavviso.

 

c) determinazione della tassa

(art. 35e cpv. 5, 35l cpv. 1 LTPub)

Art. 111La tassa è fissata e riscossa ogni anno per il periodo corrispondente all’anno civile.

2Se le condizioni d’assoggettamento sono realizzate unicamente per una parte di tale periodo, la tassa è riscossa pro rata temporis.

 

d) pagamento della tassa

Art. 121La tassa deve essere pagata nei trenta giorni successivi alla sua scadenza.

2Il debitore della tassa paga, per gli importi che non ha versato entro il termine stabilito, l’interesse di ritardo di cui all’art. 243 cpv. 1 della legge tributaria del 21 giugno 1994. L’interesse è dovuto anche in caso di reclamo o di ricorso.

3Su richiesta del contribuente, la Sezione della mobilità può suddividere il pagamento della tassa fino a tre rate. E’ in ogni caso applicabile l’interesse di ritardo.

 

Entrata in vigore

Art. 13Questo regolamento è pubblicato nel Bollettino ufficiale delle leggi ed entra in vigore il 1° agosto 2016.

 

 

Pubblicato nel BU 2016, 325.