È in atto la sperimentazione di un nuovo sistema informatico volto ad accorciare in modo sensibile il tempo di aggiornamento della RL

5
EDUCAZIONE CULTURA SPORT E TEMPO LIBERO

5.1.3

Aiuti allo studio

5.1.3.1.5
A A A

Decreto esecutivo sulle basi di calcolo 2018/2019 della legge sugli aiuti allo studio (LASt)

(del 10 aprile 2018)

IL CONSIGLIO DI STATO
DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

visti gli art. 8 cpv. 2, 9 cpv. 4 e 14 cpv. 2 della legge sugli aiuti allo studio del 23 febbraio 2015 (LASt);

decreta:

    • Art. 1 1Per l’anno scolastico 2018/2019 il periodo fiscale per l’accertamento del reddito disponibile di riferimento è l’anno 2015.
    • 2Reddito e sostanza che risultano da situazioni tributarie straordinarie, come pure rendite e prestazioni fiscalmente non imponibili, possono essere presi in considerazione per meglio tener conto della disponibilità effettiva.
    • 3Se un accertamento successivo del reddito disponibile di riferimento sulla base del periodo fiscale 2018 consente di determinare un diritto alla borsa di studio più favorevole al richiedente rispetto a quello risultante dall’applicazione del cpv. 1, gli eventuali prestiti concessi sono convertiti parzialmente o totalmente in borsa di studio sulla base del nuovo calcolo.
    • 4Il calcolo del prestito di cui al cpv. 3 è eseguito su richiesta e sulla base dei dati forniti dal richiedente tramite un apposito modulo che è recapitato dall’ufficio. Per analogia si applica quanto previsto dall’art. 34 della legge sugli aiuti allo studio del 23 febbraio 2015 (LASt).
    • Art. 2 Per l’anno scolastico 2018/2019 la quota da considerare quale importo a disposizione della famiglia per il finanziamento dell’istruzione dei figli è definita secondo i seguenti parametri progressivi:
    • a) il 30% sui primi fr. 30’000.–;
    • b) il 50% sui successivi fr. 50’000.–;
    • c) il 70% sul rimanente.
    • Art. 3 1Per l’anno scolastico 2018/2019 la borsa di studio per il richiedente che segue un master è convertita nella misura di un decimo in prestito.
    • 2L’importo del prestito è arrotondato al centinaio più vicino.
    • 3Ricevuta la decisione sul prestito, il beneficiario decide se richiedere l’ammontare previsto o solo una frazione; quest’ultima non potrà successivamente essere modificata.
    • 4Sono applicabili per analogia gli art. 16 e seg. della LASt.
    • Art. 4 Il presente decreto esecutivo è pubblicato nel Bollettino ufficiale delle leggi ed entra in vigore il 1 giugno 2018.

    Pubblicato nel BU 2018, 131.