DATA ULTIMO BU CON MODIFICHE
05.06.2020
(Bollettino ufficiale 29/2020)
>

702

150.250

Numerazione precedente
< >
 Stili RL

Decreto esecutivo

concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali

per il periodo 2020-2024

(del 18 marzo 2020)

 

IL CONSIGLIO DI STATO

DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

 

         richiamata la risoluzione n. 1262 dell’11 marzo 2020 con la quale il Consiglio di Stato ha dichiarato lo stato di necessità su tutto il territorio del Cantone Ticino;

         preso atto della decisione del 16 marzo 2020 del Consiglio federale con la quale è stata decretata una situazione straordinaria per tutto il Paese sulla base dell’articolo 7 della legge sulle epidemie del 28 settembre 2012 (LEp);

         preso atto delle previsioni attuali sull’evoluzione dell’epidemia causata dal coronavirus (COVID-19), secondo le quali la situazione di emergenza continuerà anche nelle prossime settimane;

         considerato che la situazione di emergenza e il rispetto delle norme sanitarie adottate dalle autorità federali e cantonali non permetterebbero di eseguire regolarmente le operazioni di voto e di spoglio delle schede e che le operazioni di spoglio necessiterebbero di tempi ben più estesi o dovrebbero essere differite;

         visto l’articolo 40 LEp,

decreta:

Art. 1Le elezioni per il rinnovo dei Municipi e dei Consigli comunali per il periodo 2020-2024, previste domenica 5 aprile 2020 sono annullate e rinviate a domenica 18 aprile 2021.

 

Art. 2I Municipi e i Consigli comunali attuali rimangono in carica fino all’entrata in carica dei nuovi Municipi conformemente all’articolo 81 della legge sull’esercizio dei diritti politici del 19 novembre 2018 (LEDP) e dei nuovi Consigli comunali conformemente all’articolo 47 della legge organica comunale del 10 marzo 1987 (LOC), riservati gli articoli seguenti.

 

Art. 3In deroga all’articolo 1, il Consiglio di Stato potrà fissare una data anteriore per le elezioni dei Municipi e dei Consigli comunali nei nuovi Comuni di Tresa e della Verzasca.

 

Art. 4I Municipi, i Consigli comunali e i Sindaci eletti in forma tacita entrano in carica secondo i termini e le modalità stabiliti nella legge sull’esercizio dei diritti politici.

 

Art. 5Nei Comuni in cui le elezioni non sono avvenute in forma tacita è ammesso in via eccezionale il ritiro di proposte di lista e di candidatura per consentire l’elezione tacita nella forma stabilita dall’articolo 50 LEDP entro le ore 18.00 di lunedì 6 aprile 2020. In tal caso l’entrata in carica avviene secondo i termini e le modalità stabiliti nella legge sull’esercizio dei diritti politici.

 

Art. 5a[1]Il rinnovo degli organi consortili previsti dalla legge sul consorziamento dei Comuni del 22 febbraio 2010, dalla legge sui Consorzi del 21 luglio 1913 e dai rispettivi statuti avrà luogo dopo l’elezione e l’entrata in carica dei nuovi Municipi e dei nuovi Consigli comunali conformemente alle disposizioni del presente decreto. Gli attuali membri di questi organi rimangono in carica sino a tale rinnovo.

 

Art. 6[2]Il Consiglio di Stato, per il tramite dei suoi servizi, informa i Comuni e i Consorzi e impartisce le direttive per la gestione del rinvio delle elezioni e per l’applicazione del presente decreto esecutivo.

 

Art. 7Il presente decreto esecutivo è pubblicato sul sito del Cantone (pubblicazione straordinaria ex art. 9 LPU), entra in vigore immediatamente[3] ed esplica i suoi effetti fino alla conclusione del rinnovo degli organi comunali per il periodo 2020-2024.

 

 

Pubblicato straordinariamente nel sito internet del Cantone il 18 marzo 2020 e ordinariamente nel BU 2020, 83.


[1]  Art. introdotto dal DE 13.5.2020; in vigore dal 15.5.2020 - BU 2020, 174.

[2]  Art. modificato dal DE 13.5.2020; in vigore dal 15.5.2020 - BU 2020, 174.

[3]  Entrata in vigore: 18 marzo 2020 - BU 2020, 83.